Bonus zanzariere 2021/ Chi ne ha diritto, come funziona e a quanto ammonta

Anche per il 2021 il governo ha deciso di introdurre il cosiddetto bonus zanzariere”, un’agevolazione per chi decide di installare sulle proprie porte e le finestre, appunto, un “filtro” che permette alle fastidiose zanzare di entrare nelle nostre abitazioni. Il bonus zanzariere, come riferisce il Corriere della Sera, è previsto sotto forma di un’agevolazione nei confronti dell’acquisto dello stesso prodotto. Non si tratta di un rimborso, quindi “soldi veri”, bensì di uno sgravio fiscale sulle eventuali spese sostenute.

Viene inoltre specificato che non tutti i tipi di zanzariere rientrano nell’agevolazione, in quanto vi sono dei modelli e dei requisiti da rispettare per ottenere il bonus di cui sopra. Ma vediamo meglio come funziona questa “promo”. Installando una zanzariera si può usufruire delle detrazioni per l’Ecobonus 50%, ma deve rispettare i requisiti per le schermature solari, “compreso – sottolinea Corriere.it – il valore del fattore di trasmissione solare e gli orientamenti delle superfici vetrate protette”.

BONUS ZANZARIERE 2021, A CHI E’ RIVOLTO

In poche parole, nel bonus zanzariere, rientreranno quindi i “filtri” per le zanzare che permetteranno anche di schermare la luce solare e così facendo di migliorare anche l’efficienza energetica dello stesso immobile. Possono usufruire del bonus zanzariere tutti i proprietari di immobili, ma anche i nudi proprietari nonché gli affittuari, e ovviamente in quest’ultimo caso il proprietario deve essere d’accordo. Inoltre, il bonus zanzariere è valido solo per le case già esistenti, mentre vanno escluse le unità immobiliari che sono al momento in costruzione. Il Corriere della Sera ricorda che per ottenere l’agevolazione fiscale, è fondamentale che l’installazione della zanzariera debba essere inserita “nel comma delle schermature solari e mai insieme agli infissi nella scheda infissi”. In soldoni, l’agevolazione riguarda il 50% della spesa sostenuta entro il 31 dicembre di quest’anno; si può detrarre non soltanto l’acquisto del nuovo prodotto ma anche la rimozione del vecchio e ovviamente l’onorario dell’installatore.

© RIPRODUZIONE RISERVATA