Mietta con il video del nuovo singolo si lascia andare alla meravigliosa sensualità

Milano Bergamo, la nuova canzone di Mietta disponibile già dal 16 luglio, Tgcom24 mostra il video in anteprima e la sensualità salta fuori dal primo istante, dalla prima immagine. Mietta ha deciso di non sottomettersi più alle regole della discografia e racconta di quanto sia ormai stufa degli stereotipi e dell’immagine che hanno sempre voluto per lei e non solo per lei. E’ una nuova artista quella appare non solo nel video ma anche nelle sue nuove canzoni, nelle sue interviste. E’ passato tanto tempo da “Vattene amore”, la ricordano tutti e forse lei vorrebbe cancellarla. Il ritmo di Milano Bergamo accompagnerà l’estate e le vacanze di molti, non sarà lo stesso tormentone di “Mille” ma è una nuova immagine carica di sensualità, meravigliosa sensualità.

MIETTA: “NON ME NE FREGA PIU’ DELLE REGOLE”

“Non me ne frega più niente di ubbidire alle regole della discografia che vorrebbero che l’icona delle interpreti corrispondesse ad un’immagine sempre lontana dalla fisicità e dalla sensualità” ha raccontato al Tgcom24 spiegando perché ha detto sì al video di Milano Bergamo. “Ho deciso di fare questo video perché dopo tutti questi anni di carriera sono stufa degli stereotipi erroneamente usati per individuare mestieri più leggeri o frivoli. Sono un unico, un tutt’uno fatto, tra le altre cose, di voce cervello e corpo”.

Non è tutto perché la cantante nel video non ha voluto ritocchi digitali: “Non ho voluto ritocchi digitali di nessun genere perché la sensualità e la seduzione, qualora una donna senta il bisogno di usarle, non sono e non devono essere il risultato di una fotografia ma dipendono da come una donna vive la propria femminilità”.

Il messaggio è rivolto a una forma di rispetto per se stessi e alla propria salute: “Una donna non deve vergognarsi mai di avere difetti e, al di là del suo aspetto e della sua professione, che sia bassa, sovrappeso o una fotomodella, che sia un notaio o una soubrette può e deve far uso della propria sensualità senza sentirsi inappropriata”.