Charles Darwin: all’asta uno dei sei microscopi del padre dell’evoluzione

Lo strumento ottico sarà venduto il prossimo 15 dicembre: la lente è stata fabbricata nel 1825, durante gli studi degli zoofiti di Darwin.

Sarà presto venduto all’asta uno dei sei microscopi del padre dell’evoluzione. L’oggetto in questione appartiene alla famiglia di Charles Darwin da oltre 200 anni. Secondo le stime dichiarate dai media internazionali, il valore dello strumento scientifico potrebbe aggirarsi tra le 250.000 e le 350.000 sterline, ossia tra 300.000 e 415.000 euro. Il microscopio sarà offerto dalla casa d’aste britannica Christie’s il 15 dicembre. 

NON PERDERTI ANCHE >>> 17 missionari USA rapiti da una gang nei pressi della capitale

Il mondo attraverso il microscopio di Charles Darwin

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE >>> Caso David Amess: il killer aveva premeditato l’omicidio

Fabbricata nel lontano 1825, la lente fu utilizzata dal leggendario naturalista per le sue ricerche sugli zoofiti, nome storicamente assegnato ad animali marini la cui specie, per via della sua somiglianza morfologica con certi vegetali, era ritenuta un bivio evoluzionistico tra piante e animali: tra questi vi sono i coralli, gli anemoni e le spugne di mare. Il gioiello scientifico che sarà venduto all’asta il prossimo 15 dicembre rappresenta uno dei principali strumenti scientifici utilizzati dal padre dell’evoluzione: secondo quanto riportano i media internazionali, lo strumento ottico avrebbe consentito a Charles Darwin di studiare con accuratezza le specie zoofite grazie alle peculiarità della lente del microscopio.

Fa venire i brividi guardare nell’obiettivo e vedere il mondo microscopico che lo stesso Charles Darwin vide negli anni 1820 e 1830“, ha confessato all’agenzia di stampa Reuters il direttore degli oggetti scientifici dellaa più grande casa d’aste Christie, James Hyslop. Il capo della scienza ha inoltre ricordato che lo strumento in questione è l’unico microscopio appartenuto a Darwin mai offerto a un’asta. Secondo quanto dichiarato dall’alto funzionario, al momento si contano solo sei microscopi appartenuti al rivoluzionario naturalista.

Ricerca e sviluppo, investimenti in tempo di Covid: la situazione
Microscopio (foto Pixabay)

Charles Darwin è celebre per la pubblicazione del libro, L’origine delle specie, nel 1859, pietra miliare che rivoluzionò la biologia stabilendo la teoria dell’evoluzione contro il creazionismo postulato da St. George Jackson Mivart.

Fonte Reuters